Canti popolari

Il lamento di Maria, in cui è facile rintracciare le immagini, le strutture espressive e la sintassi più affettiva e logica, propria della letteratura di devozione.
Il canto, che supponiamo accompagnasse anticamente la processione del Cristo Morto il Venerdì Santo, alla luce della più autentica e primitiva tradizione religiosa, è in realtà una trasfigurazione popolare della Passione di Cristo.

Mamma Maria ‘o Gioverì Santo
Pigliav’ ‘o manto pe’ trasire ‘n Santo.
Sula sulella, senza cumpagnia
che hai, matre
che vaie chiegnenne pe’ ‘a via?
Vaco chiegnenne nu senza ragione:
aggio perduto ‘o mio caro figliulo!
Tu ll’aie perduto e nuie l’avimmo truvato:
stace rint’ ‘a casa ‘e Simone ‘e Matalena.
Maria parte ‘e vace ‘a Gerusalemme;
tutt’ ‘e pporte ‘e truvave nserrate;
se mise cu ‘e recchie a ‘e sengulelle,
sentiva d ‘e botte ‘e scurriate,
vattevano ‘o figlio senza pietà.
O figliu, che puozzo essere beneritto
Araperi a chesta mamma sventurata.
O mamma, che puozzo essere beneritta non pozzo araperì
Ch’e li Giudei m’hanno tutto legato
m’hanno dato nu schiaffo strillante,
tutt’ ‘a faccia m’hanno nsaguinata.
O figliù, che puozzo essere beneritto,
rimme pe’ qua strada me nnaggia i.